La fidelizzazione: Un supplì per un pollo arrosto

Home/Fidelity/La fidelizzazione: Un supplì per un pollo arrosto

La fidelizzazione: Un supplì per un pollo arrosto

Il Marketing per tutti: la fidelizzazione.

Oggi voglio raccontare una metafora che utilizzo spesso per spiegare, in modo semplice, il concetto di fidelizzazione del cliente nel progetto Loyalty Roma.

Perché molti potenziali clienti con cui mi incontro non hanno mai considerato quanto sia importante conoscere nel dettaglio i propri clienti, quanto spendono con la loro azienda, la frequenza di passaggio, etc.

E quindi ho trovato simpatico, e con ottimi risultati, raccontare loro un processo sviluppato con una attività molto “comune”… una rosticceria.

Il sistema di fidelizzazione integrato permette, come sappiamo, di registrare ogni passaggio di acquisto dei nostri clienti possessori della card.

Purtroppo non abbiamo, ancora per ora, integrazione con la cassa e quindi non possediamo lo specifico delle tipologie d’acquisto… ma in questo caso i dati in nostro possesso sono esaustivi.

Abbiamo quindi evidenziato quanti clienti non acquistassero da più di 30 giorni ed abbiamo inviato a tutti gli utenti evidenziati un semplice messaggio “Ciao, è un po’ che non ti vediamo. Se passi dalle nostre parti ti offriamo un suppli”.

Costo della campagna… alcuni centesimi per l’SMS e il costo di produzione del supplì per singolo cliente che si presentava presso la rosticceria per usufruire del cortese omaggio.

La conversione è stato un risultato soddisfacente rispetto alle aspettative, in particolar modo perché ovviamente la maggior parte dei clienti ritornati a visitare la nostra struttura non sono andati via a mani vuote.

Nota per i miei colleghi professionisti di settore:

Non cercate in questo articolo attente analisi di direct marketing, funnelling o similari. Non troverete nulla di tutto questo.

Ho cambiato la mia mission aziendale ed il mio attuale obiettivo è aiutare il “pubblico” meno evoluto a capire in modo semplice alcuni concetti base del nostro lavoro.

Questo affinché abbiano gli strumenti per “parlare una lingua comune” che permetta di valutare e paragonare al meglio i nostri servizi, il livello di qualità e quanto sia importante attualmente utilizzare nuovi strumenti per la gestione della propria azienda.

By | 2017-06-16T12:24:16+00:00 19 marzo 2017|Categories: Fidelity|0 Comments

About the Author:

Per anni ho fatto il dipendente, il commerciale, il professionista. Oggi ho capito... in realtà ho sempre fatto il Networker. Ho sempre consigliato e promosso prodotti e aziende, collegato interessi tra persone, disegnato nuove strategie. Ed è quello che faccio da sempre, anche se fino a ieri non gli avevo abbinato il termine giusto. Ora voglio mettere a disposizione le mie esperienze per chi vuole, con me, allargare il network di contatti e di aziende per il business.

Leave A Comment